La Suprema Corte opera un’utile tripartizione, con precisa tassonomia, dei tipi di polizza “Unit Linked”:

– distinguendo i due tipi riconducibili all’assicurazione vita (“Guaranteed e Partial Guaranteed”) ed il terzo (“Pure”) di contenuto esclusivamente finanziario, in cui manca del tutto il cd. rischio demografico a carico dell’assicuratore, la restituzione del capitale non viene garantita nemmeno sotto forma di eventuali rendimenti minimi,

– stabilendo così criteri più chiari su cosa esattamente rende una polizza suscettibile di sequestro e pignoramento, segnalando i possibili indicatori tipici della natura prettamente finanziaria di una polizza “Unit Linked” .

Dalla pronuncia della Cassazione si possono trarre indicazioni utili al mercato per evitare la diminuzione nell’uso delle polizze vita a contenuto finanziario nella pianificazione patrimoniale; ma anche alle Compagnie che potranno utilizzare i criteri dettati nella pronuncia per la rielaborazione dei testi dei prodotti a contenuto finanziario, evidenziando maggiormente gli aspetti legati alla previdenza e al risparmio e per ottenerne la impignorabilità e insequestrabilità.

Per gli abbonati alla rivista, a seguire il link per una lettura completa della nota.

https://giustiziacivile.com/banca-finanza-assicurazioni/note/il-valore-di-riscatto-delle-polizze-di-investimento-finanziario-cd