Studio Ferraro Giove | Problematiche in tema di edilizia residenziale pubblica a seguito della sentenza n. 18135/2015
18168
post-template-default,single,single-post,postid-18168,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Problematiche in tema di edilizia residenziale pubblica a seguito della sentenza n. 18135/2015

Problematiche in tema di edilizia residenziale pubblica a seguito della sentenza n. 18135/2015

L’intervento dell’Avv. Stefano Giove, “Il rilievo da dare alle singole convenzioni, una possibile lettura delle norme alternativa alla giurisprudenza di legittimità”,  convegno del 27 marzo: “Problematiche in tema di edilizia residenziale pubblica a seguito della sentenza n. 18135/2015”, presso  l’Ordine degli Avvocati di Roma, è stato finalizzato a spiegare la diversa ratio che era stata ricostruita dalla dottrina e dalla giurisprudenza, amministrativa e civile, in ordine ai vincoli esistenti sulla circolazione degli alloggi di edilizia economico popolare realizzati ex lege 865 del 1971.

In particolare, è stata evidenziata la maggior linearità e semplicità della precedente interpretazione che riteneva inesistente un vincolo ex lege sul prezzo massimo di cessione della proprietà superficiaria, ma unicamente di temporanea inalienabilità, salvo quanto diversamente previsto nella singola Convenzione stipulata con il Comune, con efficacia vincolante in virtù della espressa delega contenuta nell’ormai famigerato art. 35 della legge 865 del 1971.

Leggi l’intervento integrale dell’Avv. Stefano Giove